Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Raccontare la ricerca

DAL GENIO UNIVERSALE DI LEONARDO UNA SFIDA AGLI HACKER

Noi ragazzi della classe 4^A del liceo scientifico Filippo Masci di Chieti, siamo entrati in contatto con l’iniziativa “A Scuola di Open Coesione”, quando,  la professoressa di storia, parlandoci dello spirito di solidarietà che anima la nostra Carta costituzionale, nell’ambito delle lezioni di Cittadinanza, ci ha introdotto il tema delle Politiche di coesione,  attraverso il racconto della “Asocexperience” degli anni precedenti. A sollecitare la nostra partecipazione è stato soprattutto il coinvolgimento dei nostri compagni in occasione degli eventi ASOC degli anni scorsi. Abbiamo così deciso di incamminarci in questo percorso di cittadinanza attiva, pensando che non ci fosse  modo migliore di farlo se non “mettendo le mani in pasta”, tuffandoci in una “data expedition” nel portale di Open Coesione. Nella scelta del progetto abbiamo preferito uscire dai confini della nostra città, per tracciare un percorso orientato alla conquista della dimensione di una nuova cittadinanza, quella digitale, verso cui riteniamo sia estremamente importante agire come soggetti attivi, con consapevolezza e responsabilità.

Nel seguire la realizzazione del progetto Cyber Trainer, che ha come obiettivo principale la garanzia della sicurezza informatica di tutti noi, abbiamo scelto come titolo della nostra ricerca Cyber Shields, proponendoci quasi come uno “scudo”, per l’impegno che vi metteremo, al fine di agire  anche noi, nel nostro piccolo, con la nostra opera di sensibilizzazione al problema, come garanti della difesa cibernetica.

Il nome del team Error_4A4_ vuole combinare la nostra identità di gruppo classe (4^A) con l’espressione di uno degli errori informatici più ricorrenti “error_404_ , page notfound”, per richiamare lo stato di fragilità  cui espongono le minacce che possono venire dalla navigazione del Web e le finalità del progetto Cyber trainer. Attraverso l’inserimento del nome della nostra classe all’interno dell’espressione utilizzata per indicare la rete, vogliamo così far nostro l’obiettivo del progetto dell’azienda Leonardo.

Nel logo abbiamo voluto concentrare le finalità e l’essenza del progetto, scegliendo uno sfondo molto colorato con l’effetto di filtri sovrapposti ed una successione in codice binario che rimandassero alla suggestione dell’ambito informatico, con l’accattivante maschera dell’ Anonymous in evidenza che, evocando il tema dell’hacking, fa intendere le minacce verso le quali il progetto Cyber Trainer è stato ideato.

Abbiamo iniziato ad accostarci all’iniziativa ASOC occupandoci delle politiche di coesione di cui abbiamo scoperto il ruolo ed il valore grazie alle lezioni dell’insegnante, alle video-pillole ed al contributo del referente EDIC di Chieti, la dott.ssa Annalisa Michetti che, in un apposito incontro, ci ha parlato dei Fondi strutturali, dei criteri di distribuzione dei finanziamenti, dei requisiti richiesti ai territori, della condizione della nostra regione nell’attuale ciclo di programmazione. Abbiamo così colto l’importanza di tali politiche, orientate a ridurre la disparità presente tra le varie regioni nell’Unione Europea, per garantire una crescita più equa dei territori. Più della metà dei fondi dell’UE viene erogata attraverso i 5 Fondi strutturali e d’investimento europei (fondi SIE), gestiti congiuntamente dalla Commissione europea e dai paesi dell’UE. Per il ciclo di programmazione 2014-2020, sono state aggiunte ulteriori disposizioni comuni riguardanti il FESR, il FSE, il Fondo di coesione, il FEASR,  il FEAMP per regolare in maniera ottimale il rapporto tra interventi di coesione e le altre politiche UE.

Servendoci, dunque, delle pillole video, abbiamo scoperto “le regole del gioco” dell’ iniziativa ASOC e ci siamo dedicati all’esplorazione del portale di OpenCoesione, meravigliandoci dell’elevatissimo numero di progetti destinati al territorio abruzzese.

Divisi in vari gruppi per effettuare la data expedition, abbiamo preso in considerazione, con  la compilazione dei canvas, punti di forza e criticità dei due progetti che hanno catturato maggiormente la nostra attenzione, in quanto possibili promotori di un’attività di valorizzazione del nostro territorio: la  Riqualificazione architettonica e recupero funzionale dell’ ex pescheria in Via Arniense, un’area del centro storico di grande suggestione architettonica, ed il Cyber Trainer promosso dall’azienda “Leonardo Spa”.

Dopo alcuni momenti di confronto, abbiamo orientato la nostra attenzione al monitoraggio di “Cyber Trainer”, un progetto di ricerca ed innovazione, teso a realizzare un dimostratore per la simulazione di reti, con il fine di facilitare l’addestramento di responsabili e operatori della cyber security, emulando scenari di attacco per valutare il comportamento dei soggetti implicati, avendo anche la possibilità di utilizzare tipologie di reti diverse.

 Ad attrarre la nostra attenzione sono stati la finalità del progetto e l’ambito di riferimento: la formazione di futuri operatori specializzati, sollecitata dall’attuale carenza di personale nel settore della difesa informatica e, al contempo, lo slancio mostrato dalla  Regione Abruzzo nel volersi qualificare come promotore nello sviluppo di competenze altamente specializzate nel campo della cyber security, un tema di profonda attualità ed urgenza, in un momento in cui concetti come la privacy, la sicurezza e la difesa dei dati, da quelli personali a quelli di servizi e istituzioni, sono oggetto di dibattito e di cronaca quotidiana.

Un modo magari per noi ragazzi per approfondire il rapporto con il mondo dell’informatica, per essere futuri cittadini attivi, facendo del nostro meglio per coinvolgere le persone intorno a noi su temi di particolare sensibilità, per avere un rapporto più consapevole con la tecnologia, cogliendo le opportunità di sviluppo in termini di nuova occupazione, che possono venire dal controllo di rischi e minacce cui la velocità dell’avanzamento tecnologico ci espone.

Esplorando il sito di Open Coesione, abbiamo così cominciato a scoprire gli strumenti del monitoraggio civico. Dividendoci in gruppi, abbiamo iniziato a raccogliere dati per ricostruire la storia amministrativa del progetto scelto, sperimentando il valore e l’importanza degli Open Data nell’esercizio di una cittadinanza attiva. Individuando i vari ruoli, in base ad attitudini e interessi di ciascuno, abbiamo poi iniziato a raccogliere dati e costruire la nostra ricerca avendo come obiettivi quelli di monitorare l’avanzamento del progetto con gli strumenti di Open Coesione, di valutarne la ricaduta ai fini della formazione di competenze specializzate e di opportunità per il territorio, attraverso un confronto con rappresentanti dei soggetti coinvolti. Il fine ultimo è di sensibilizzare al problema della sicurezza dei dati soprattutto i nostri coetanei,  dopo averne rilevato lo stato di consapevolezza con un sondaggio somministrato agli studenti della nostra scuola.

Il progetto Cyber trainer (C.U.P. C73D18000340007) proposto dalla LEONARDO SPA attualmente in corso,  presumibilmente è iniziato il 13/02/2019, con fine prevista per il 13/02/2020. Finanziato nell’ambito del ciclo di programmazione 2014-2020 del POR-FESR ABRUZZO, è inerente il tema Ricerca e innovazione che prevede incentivi per sostenere la domanda di ricerca e innovazione da parte delle imprese e l’offerta di  progetti di innovazione da parte di università e centri di ricerca. Un finanziamento per attività di ricerca  sul territorio di Chieti, di cui la principale  beneficiaria è LEONARDO SPA e il soggetto programmatore la REGIONE ABRUZZO.

Il progetto, che consiste nella formazione di operatori specializzati nel settore della cyber security è teso a conseguire risultati in vari scenari e settori riguardanti la difesa e la sicurezza, in base alla valenza delle tecnologie IoT (Internet of Things). Il  costo è di 1.024.082,50 euro, di cui sono effettivamente stati pagati 409.633,00 euro, il 40% dell’ammontare complessivo del finanziamento.