Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Descrizione della ricerca

L'inizio del progetto
La ricerca in 280 caratteri: 
Anno scolastico 2019-2020. Siamo gli alunni della classe 3^C del Liceo Scientifico Enrico Fermi di Alghero (SS). All’inizio di quest'anno scolastico ci è stato proposta dalla nostra professoressa di Scienze la partecipazione al progetto ''a scuola di OpenCoesione'': si tratta di un PROGETTO GREEN per risparmiare sull'uso della carta. Inizialmente non ci sentivamo sicuri di voler aderire, poiché avevamo la preoccupazione di non saper gestire questa attività che si sarebbe sommata allo studio quotidiano, ma, grazie alla collaborazione dei nostri docenti, siamo riusciti ad organizzarci. Ora, a distanza di pochi giorni dall'inizio, siamo entusiasti di poter partecipare. Il progetto ci ha colpito particolarmente, per via del fatto che si tratti di percorso didattico innovativo che dà la possibilità a noi studenti di sviluppare competenze digitali, e di diventare cittadini consapevoli capaci di lavorare insieme agli altri. La nostra classe si è recata il 16 Novembre del 2019 nell'aula d'informatica della nostra scuola per iniziare una ricerca riguardo ai progetti di nostro interesse relativi all'l’iniziativa ASOC. Arrivati in laboratorio, grazie all'aiuto della professoressa Tina Cossu e della professoressa Carmen Sartore, abbiamo fatto una prima selezione dei progetti. Ci siamo trovati davanti a due scelte: riprendere, elaborare e sviluppare un progetto già iniziato negli anni precedenti oppure iniziarne uno nuovo. La maggior parte della classe ( quindici ragazzi su sedici) ha scelto di iniziare un progetto ex novo e, di conseguenza, abbiamo iniziato la ricerca sul sito ASOC sulle varie opzioni proposte dal Ministero. Quattro sono stati i progetti che hanno maggiormente attirato il nostro interesse e su ognuno di questi abbiamo espresso le nostre opinioni e osservazioni: il primo è stato “La Falesia di Punta Giglio“, che ha attirato il nostro interesse per la sua importanza ambientale e per la ricaduta turistica ed economica sul nostro territorio; il secondo, invece, è stato “La realizzazione e gestione dell'infrastruttura di ricarica per i veicoli elettrici“, per ridurre l'impatto ambientale dei veicoli molto inquinanti utilizzati da ormai troppo tempo; il terzo progetto che ha suscitato il nostro interesse è stato ”Assistenza di base alla clientela“, per cercare di aumentare l'occupazione giovanile, ed infine “La riorganizzazione, messa in sicurezza e valorizzazione del sistema di fruizione del comprensorio di Punta Giglio“ che ci è sembrato particolarmente adatto a coinvolgere l'opinione di tutti sul cambiamento climatico, la prevenzione e gestione dei rischi ambientali , ma anche a scopo turistico. Il progetto che ha avuto maggior successo e che è stato accolto con molto interesse da parte di tutta la classe è stato quello sulla “Riorganizzazione, messa in sicurezza e valorizzazione del comprensorio di Punta Giglio“. Durante la prima fase del progetto, più precisamente, il 20 novembre 2019, insieme alla classe 3^A (classe anch'essa coinvolta nel progetto di OpenCoesione), abbiamo partecipato al nostro primo incontro con la dottoressa Raffaela Sanna, esperta nel campo Open Coesione che tiene lezioni nelle scuole per portare avanti questa magnifica iniziativa. Quest’ultima ci ha introdotto al progetto a cui stiamo partecipando e spiegato come esso funzioni e come dovremo muoverci durante le fasi a cui prenderemo parte. Ci ha inoltre riportato le storie dei vari progetti a cui ha assistito negli anni precedenti, soprattutto di quelli vincenti i cui partecipanti hanno avuto l'occasione di andare a Bruxelles e a Roma. Da qui in poi la parola è passata a noi e ,mentre i social manager delle rispettive classi riprendevano il tutto, abbiamo spiegato alla specialista in cosa consistevano i progetti scelti da noi. La dottoressa Sanna ci ha assicurato la sua disponibilità in caso di bisogno di eventuali spiegazioni riguardo all'avanzamento dei progetti fornendoci il suo numero di telefono. I giorni successivi a quest'incontro abbiamo immediatamente iniziato a lavorare, scegliendo il nome, creando il nostro logo, il sito e i vari account social. Non vediamo l’ora di continuare questo progetto che affronteremo, senza alcun dubbio, con impegno e molto entusiasmo. Inoltre, abbiamo analizzato i vari ruoli e compiti che derivano dalla nostra partecipazione al progetto ASOC con l'aiuto e la supervisione della professoressa Carmen Sartore, della professoressa Laura Lorenzo e del professor Giuseppe Baldinu, nostro tutor di alternanza scuola lavoro.